Sport ed omeopatia
Pubblicato il 22 Ottobre 2014 da In Palestra

La cura e la preparazione dell'atleta alle gare venne introdotta in Italia da alcuni seguaci di Ippocrate, una pratica tramite la quale si ottenevano le migliori prestazioni sul piano atletico grazie all'armonizzazione del corpo e della mente.
Per conseguire questo risultato, niente di meglio che la medicina omeopatica, la quale con l'utilizzo di rimedi naturali combina un perfetto binomio tra il benessere mentale e quello fisico. L'efficacia terapeutica di questa medicina, è riscontrata sia per il trattamento della patologia acuta in atto, sia come trattamento preventivo delle patologie tipiche.

Per una cura che possa dare risultati più efficaci e duraturi è fondamentale un trattamento detto di "terreno" che interviene direttamente sulle caratteristiche costituzionali dell'atleta e di conseguenza sulla sua predisposizione ad ammalarsi (naturalmente occorre essere sempre essere seguiti da persone qualificate ).

Invece si possono utilizzare rimedi da acquistare direttamente presso erboristerie e/o farmacie specializzate, prodotti come l'arnica montana (per contusioni, ematomi, stiramenti muscolari, antidolorifico) o come la belladonna (che agisce direttamente sul dolore della contrattura) ecc.

La medicina omeopatica quindi si concilia perfettamente alle esigenze dello sportivo utilizzando pratiche non invasive, proponendosi con un utilizzo completo e personalizzato.