Metodo Ipopressivo - Low Pressure Fitness
Pubblicato il 8 Aprile 2016 da In Palestra

Il metodo include varie tecniche ipopressive con posture e movimenti che permettono di ottenere una riduzione della pressione nelle cavità toraciche, addominali e pelviche. 

Non si tratta di una tecnica nuova, ma di sicuro è una tecnica che sta diventando di moda quella degli addominali ipopressivi che prende a prestito dalla ginnastica ipopressiva il metodo destinato inizialmente alle donne incinte per non sforzare troppo i muscoli addominali. Creata dal Professor Marcel Caufriez, Dottore in Scienze Umane e Riabilitazione, che con la sua dedizione alla riabilitazione uro-genitale ha realizzato che la riabilitazione post-parto tradizionale danneggia la parete pelvica, accentuando l\'incontinenza, i prolassi, la diastasi ed altre problematiche.

Alcuni degli obiettivi: riduzione del  girovita con conseguenti miglioramenti estetici, posturali e funzionali, Regolarizzare i parametri respiratori Prevenire l\'incontinenza urinaria. Prevenire infortuni articolari e muscolari tramite la normalizzazione del tono muscolare

i muscoli della fascia addominale e del pavimento pelvico tendono a perdere la loro funzionalità, che è quella di sostegno agli organi interni, per i continui aumenti di pressione addominale dovuti alla vita quotidiana (inattività, gravidanza, ecc.). Con il Metodo Ipopressivo, questa funzionalità è ripristinata riprogrammando il responso muscolare in queste circostanze. Si aumenta il tono muscolare a riposo, si diminuisce il girovita e si migliora il rendimento delle attività che richiedono forza. I test diagnostici e le prime sessioni devono essere fatti con un professionista certificato nel metodo Ipopressivo M. Caufriez, fino a che il paziente può integrare le tecniche in modo corretto e svilupparle da solo o in gruppo.

Premesso che molto dipende dalle condizioni iniziali di ogni persona, di solito il programma dura due mesi e può arrivare a sei mesi, e richiede che gli esercizi siano eseguiti correttamente e con continuità, circa 20 minuti per 2 volte alla settimana nel primo mese, successivamente 4 o 5 volte alla settimana. La riprogrammazione termina con dei test che valutano con certezza gli obiettivi raggiunti. Successivamente basta un regolare mantenimento.

Fonte : Cos’è il metodo ipopressivo