La Piscina - Alternativa alla palestra
Pubblicato il 29 Febbraio 2016 da In Palestra

Inserendo in piscina il programma ad alta intensità, l’obiettivo sarà il miglioramento del tono muscolare come in palestra, ma un vantaggio indubbio è quello che si riesca a lavorare meglio sulla circolazione grazie alle caratteristiche dell’ambiente acquatico.

Nel programma a bassa intensità invece si sposta la grande massa sanguigna dai grandi muscoli al microcircolo sottocutaneo, favorendo l’apertura del torrente capillare con tutti i benefici estetici e funzionali che ne comporta.

L’istruttore deve avere la capacità necessaria a saperlo gestire e farlo apprezzare come gli esercizi effettuati in palestra, con la differenza che la musica verrà utilizzata come sottofondo e non come imposizione ritmica, indicando agli allievi il cosa devono fare ma soprattutto il come.

Per esempio: in un esercizio effettuato  calciando con le gambe, se viene imposto un ritmo musicale con  il massimo dello sforzo esecutivo per un minuto è molto probabile che tutta la classe lo eseguirà ma alla fine del minuto tutti saranno molto affaticati.

Al termine dello stesso esercizio eseguito ampio, lento e rilassato per un minuto, tutti avranno ottenuto un effetto drenante molto efficace ottenuto dallo spostamento della massa sanguigna dall’interno all’esterno, cioè dalla grande muscolatura al microcircolo.  

Fonte : LA PISCINA COME LA PALESTRA….FORSE MEGLIO – Fontanesi Stefano