Attenzione al potassio
Pubblicato il 30 Ottobre 2015 da In Palestra

In genere sentiamo parlare del potassio soprattutto quando pratichiamo un\'attività sportiva, perché una delle conseguenze della sudorazione copiosa che accompagna un allenamento intenso è proprio la perdita di minerali, tra cui potassio, che può creare scompensi e procurare dolorosi crampi muscolari.

Il potassio è indispensabile per la contrazione dei muscoli, la regolazione del battito cardiaco, il dispendio di energia, la sintesi di proteine, la trasformazione del glucosio in glicogeno (la forma con cui gli zuccheri vengono conservati nell’organismo, per essere poi utilizzati nel momento del bisogno), l’equilibrio idro-salino e la trasmissione degli impulsi nervosi ed ha, inoltre, un effetto diuretico. In caso di carenza di questo importante minerale, si può intervenire seguendo il consiglio del medico e introducendo i giusti alimenti.

Gli effetti della carenza di potassio generalmente sono stanchezza, formicolii, muscoli deboli e privi di forza, crampi, stitichezza, disidratazione, ma anche rallentamento dei riflessi e una minore lucidità mentale. Questa carenza viene chiamata ipopotassemia che può anche essere causata da malattie dell’apparato digerente, dall\'eccesso di sodio nella dieta e dall\'abuso di alcuni diuretici.

È possibile reintrodurre questo minerale con una buona alimentazione e con i cibi giusti. Il potassio è presente in tutte le verdure, in particolare quelle a foglia verde, come spinaci e broccoli. Se ne trovano anche alte concentrazioni nella frutta, in particolar modo nei kiwi, nelle banane, nelle albicocche e nelle pesche. Da non dimenticare anche le patate, i cereali integrali, il pesce, i fagioli bianchi, le zucchine e le mandorle.

I problemi maggiori di carenza si hanno d\'estate a causa del caldo opprimente e dell\'afa. È proprio con l\'eccessiva sudorazione che si perde questo prezioso minerale. È importante reintegrarlo, in particolare dopo un’intensa attività fisica, bevendo molta acqua e mangiando una banana che permetterà di recuperarlo più velocemente.

Ricordate sempre di consultare un medico per i sintomi più preoccupanti!

Fonte : Come rimediare alla carenza di potassio